Origine dell’oliva biancolilla

Origine dell’oliva biancolilla

L’oliva Biancolilla è una delle produzioni italiane dalla discendenza antica, tipica della zona di Caltabellotta (Agrigento) ma comunque coltivata in tutta la Sicilia. Basso utilizza questo prodotto per la realizzazione di uno dei suoi oli extra vergine di oliva D.O.P.
Cultivar autoctona conosciuta con diverse denominazioni (Siracusana, Biancolina, Bianchetto o semplicemente Bianca), cresce su una varietà di olivo autofertile che non necessita di impollinazioni artificiali; grazie a questa caratteristica, spesso l’olivo Biancolilla funge da impollinatrice dell’autosterile olivo Nocellara del Belice.

Il suo nome probabilmente deriva dalla colorazione dei frutti che passano da verde a rosso violaceo nella fase della maturazione.
Numerosi sono i fattori positivi che fanno di quest’oliva una scelta vincente: dotata di grande rusticità, l’oliva Biancolilla è molto resistente anche in situazioni di basse temperature ed elevata siccità, grazie alle radici molto espanse, in grado di raggiungere l’acqua presente anche in profondità. Inoltre, è caratterizzata dalla vasta produttività e da un gusto inconfondibile.

Lavorazione della Biancolilla

La drupa prodotta si presenta con una forma asimmetrica, dall’apice appuntito e base rotonda. Caratterizzata da lenticelle, la sua resa è molto elevata tale da poter raggiungere anche il 20%. All’invaiatura, le olive sono prelevate ed inviate alla molitura non oltre le 24 ore. Sono lavorate tramite estrazione a freddo che permette la conservazione di tutte le caratteristiche aromatiche.

Proprietà organolettiche

Utilizzate esclusivamente per la produzione di olio, le Biancolilla non sono prodotto da mensa. L’olio extra vergine prodotto è molto pregiato e conserva in esso tutte le caratteristiche tipiche; dal colore verde-giallo paglierino con sfumature dai toni dorati, il suo fruttato è leggero e lievemente piccante, con caratteristiche note mandorlate, di pomodoro, carciofo ed erba fresca.

Utilizzi nella produzione Basso

L’oliva Biancolilla è utilizzata, insieme alle varietà Nocellara del Belice e Cerasuola, per la produzione dell’Olio Extra Vergine di Oliva Val di Mazara, facente parte della nostra linea di oli extra vergine D.O.P.
Questo condimento è perfetto per l’utilizzo a crudo con cibi leggeri come insalate, verdure al vapore o crudité, ma anche per insaporire grigliate di pesce e zuppe di legumi.